Menu

Il resto di niente

Seminario di studi in onore di Mario Alcaro

Il resto di niente. Aspirazioni universali e (r)esistenze singolari
Coordina Fiorinda Li Vigni
Intervengono Denise Celentano, Alessandra Mallamo, Angelo Nizza
Read more...

Vogliamo che la filosofia viva!

 

La Scuola Estiva è un progetto che si realizza a Roccella Jonica da 7 anni. Sorprendentemente essa esiste anche se tutto, dalle difficoltà economiche a quelle geografiche, dovrebbe dimostrare il contrario. Vogliamo (che) la filosofia viva! Per continuare a vivere in autonomia contribuiamo alla campagna di raccolta fondi e condividiamola con i nostri compagni di pensiero. 

Read more...

Perché non possiamo fare a meno della filosofia

Nell'edizione napoletana del festival Repubblica delle idee Roberto Esposito torna su un tema decisivo, che precede i decorsi concettuali perché è il luogo in cui ne va dell'uso stesso della filosofia. Cliccando qui potete leggere il racconto dell'evento svoltosi nella Cappella Palatina a Palazzo Reale. Il titolo dell'incontro: "Perché non possiamo fare a meno della cultura umanistica". Di seguito, invece, riportiamo un articolo a firma dello stesso Esposito, apparso su Repubblica il 15 febbraio scorso, in cui il filosofo difende il pensiero dagli attacchi delle istituzioni governative sempre meno inclini a curarsi della cultura filosofica. 

di Roberto Esposito

Il piccolo, ma agguerrito, mondo della filosofia italiana  -  quella che con qualche ridondanza si denomina "teoretica"  -  è in comprensibile fermento. In base ad una recente normativa tale materia è stata eliminata dalle tabelle disciplinari di vari corsi di laurea, come quelli di Pedagogia e di Scienze dell'Educazione, con la singolare motivazione che si tratta di una disciplina troppo specialistica. E che dunque dove si educano gli educatori non c'è alcun bisogno di essa. Ma c'è di peggio.

Read more...

Protagonisti dell'agorà

L'incontro pubblico tenutosi con Claudia Melica (La Sapienza) al Convento dei Minimi di Roccella Jonica ha centrato uno degli argomenti più cari a Scholé. Attraverso il suo percorso si può arrivare a comprendere che lo spazio pubblico è ciò che determina il nostro sapere come libertà, e che le trasformazioni cui continuamente va incontro non sono altro che forme della sua, cioè della nostra, sopravvivenza. Tale percorso si è articolato in un’analisi che, dalle antiche alle nuove agorà, attraverso una numerosa serie di spunti offertaci dalla studiosa romana, ci ha fatto riflettere su cosa intendiamo per spazio pubblico e ha dato nuovi stimoli al dibattito sul senso delle nostre iniziative pubbliche. 
Read more...
Subscribe to this RSS feed

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se continui ad utilizzare questo sito accetti la cookies policy.