Menu

La difficoltà di dire no. Dedicato alla gente di Grecia

Nell’evoluzione delle specie viventi la negazione compare solamente negli esseri provvisti di linguaggio verbale. Chi è capace di negare non è una pianta né un dio e neanche un animale privo di voce articolata. Perfino quel genio di Magritte non ha saputo trovare miglior soluzione al problema su come esprimere l’incongruenza tra l’immagine non linguistica della pipa e la pipa reale senza introdurre la parola “non” all’interno del quadro.

Read more...

Politica e (cattiva) retorica

Nella loro essenzialità le parole ‘linguaggio’ e ‘politica’ sono attraversate da un rapporto di sinonimia. Esse indicano il medesimo oggetto, realizzano una piena identità. Non v’è dubbio che nello svolgimento della storia degli uomini e nel decorso delle teorie le categorie di linguaggio e politica siano state assunte separatamente, analizzate ognuna per se stessa e non v’è difficoltà a riconoscere che l’antica unità abbia prodotto sfere d’esperienza pienamente autonome, in cui sono maturati poteri e rapporti di forza spesso violenti e per nulla avvezzi al reciproco riconoscimento.

Read more...

Lincoln, le parole e la guerra

Se c'è una cosa che spesso viene dimenticata in ciò che concerne il concetto di politica è quel tratto machiavelliano che la caratterizza nella sua pratica e nella sua concretezza; la sua interconnessione con il potere è spesso considerata come un fatto deteriore e infimo, una fastidiosa conseguenza dovuta alla contingenza delle cose che offusca la visione purista del "modello" ideale da perseguire.

Read more...

Dante, Cantarano e la parola esplosa

Fin del primo incontro con la poesia di Dante ho notato che essa conteneva i prodromi di quelle stesse domande che io stavo cercando, in essa si riproducevano le mie personali esperienze di pensiero e ciò è dovuto alla scoperta sorprendente della coscienza sociale e poetica che appartiene alla lingua dantesca. Vi è una particolare affermazione che Dante fa nella Vita Nuova e poi riprende nel De vulgari eloquentia tanto da costituire un topos della sua poetica; egli dichiara di voler scrivere ciò che "non fu mai detto da alcuno", oppure di parlare di una "novità che non fu mai trattata in altro tempo".

Read more...
Subscribe to this RSS feed

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se continui ad utilizzare questo sito accetti la cookies policy.