Menu

Populismo: quale rapporto con la democrazia?

Populismo e democrazia. Appuntamento con Michelangelo Bovero (Università di Torino) il 26 maggio alle 18 in sede. 

Chi sono i populisti? Il dibattito attuale sembra far confluire all'interno della medesima categoria del populismo esperienze politiche assai distanti tra loro: da un lato, le destre xenofobe e sovraniste, dall'altro le sinistre antisistema desiderose di riallacciare i legami con le classi subalterne, ossia con i lavoratori, gli studenti, i migranti. Per costoro, anche se in maniera del tutto differente, secondo teorie e tecniche politiche completamente divergenti, il populismo è un rimedio alla crisi della democrazia. Per altri, invece, il populismo e i populisti sono creature venute fuori dal sonno della ragione (vedi articolo apparso su L'Espresso il 9 febbraio 2017); occorre stare alla larga perché nulla ha più a che fare col populismo storico, ovvero con le lotte antizariste dei contadini russi di metà Ottocento, ed diventato solamente una formula linguistica con cui tenere insieme tensioni e proteste contrastanti, come appunto le destre e le sinistre di cui sopra. Proprio perché indeterminata nel senso e nel significato la parola 'populismo' richiama attenzione ed è così che Michelangelo Bovero ha accolto il nostro invito al fine di provare a chiarire i confini teorici e politici della nozione. L'appunatamento è nella sede di via Umberto I, n. 106, a Roccella Jonica, venerdì 26 maggio a partire dalle 18.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se continui ad utilizzare questo sito accetti la cookies policy.