Menu

Mezzi e fini. Materiali per pensare 09: Gustavo Zagrebelsky

Gustavo Zagrebelsky Socio Costituzionalista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti, già professore ordinario di Diritto Costituzionale presso l'Università di Torino e presso l'Università degli studi di Sassari, è stato nominato giudice costituzionale dal presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro il 9 settembre 1995, prestando giuramento il 13 settembre 1995. Il 28 gennaio 2004 è stato eletto presidente della Corte costituzionale, carica che ha ricoperto fino allo scadere del suo mandato il 13 settembre 2004.
Attualmente è professore emerito dell'Università di Torino.

Il nostro è il tempo grigio del nichilismo, non quello colorato della politica. Paralisi della rappresentanza, congelamento della competizione politica, perdita di significanza delle promesse e dei programmi elettorali, condivisione e larghi incontri, predominio del governo nella sua versione tecnica ed esecutiva di volontà altrui e sovrastanti: tutto ciò è quanto può riassumersi nell'espressione, ormai d'uso corrente, di 'post-democrazia', parola che può assumersi nel significato di 'divieto di discorso sui fini'.
Leggi tutto...

Fini della democrazia. Nota a Zagrebelsky

Contro la dittatura del presente. Perché è necessario un discorso sui fini. È questo il titolo di uno degli ultimi saggi di Gustavo Zagrebelsky, giurista italiano, presidente emerito della Corte Costituzionale e professore - sempre emerito - all'università di Torino.
Uno di quei "professoroni, rosiconi e gufi" cui si riferiva qualche tempo fa, con l'eleganza che la contraddistingue, la nostra ministra delle riforme Maria Elena Boschi a proposito delle critiche che il nostro aveva avanzato, insieme a illustri colleghi, alla riforma del Senato e all'Italicum.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se continui ad utilizzare questo sito accetti la cookies policy.