Menu

Democrazia e rivoluzione

pDurante il ‘900 la promessa della democrazia rappresentativa è stata quella di legalizzare la rivoluzione, cioè di trasformare la società attraverso le riforme parlamentari, togliendo così terreno all’azione politica che sovverte l’ordine costituito al fine di rendere il mondo più gentile e più giusto. Valentina Pazé, professore associato dell’Università di Torino, parte da questa intuizione, riconducibile all’opera di Norberto Bobbio, per ragionare intorno al rapporto tra “Democrazia e rivoluzione”, soffermandosi sulla difficoltà del modello democratico di mantenere la promessa originaria. L’incontro pubblico, organizzato dall’Associazione Culturale Scholé nell’ambito della V Scuola di Altra Formazione in Filosofia “Mario Alcaro”, si svolgerà mercoledì 22 marzo alle 18.00, nel salone dell’ex Convento dei Minimi di Roccella Jonica. Sarà un’occasione preziosa per discutere in una prospettiva storica e politica sui limiti e sui vantaggi delle forme della democrazia e della rivoluzione, nonché sui punti di contatto tra due categorie eterogenee, se non addirittura opposte.

 

Associazione Culturale Scholé. Centro studi filosofici - Roccella Jonica

in collaborazione con

Istituto Italiano Per gli Studi Filosofici – Napoli

IISF Scuola di Roma

Comune di Roccella Jonica

Come sempre la partecipazione è gratuita e aperta a tutti

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Ultima modifica ilMartedì, 21 Marzo 2017 09:58

Video

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se continui ad utilizzare questo sito accetti la cookies policy.