Menu

Scuola 2012

La scuola del 2012 è stata il nostro "battesimo del fuoco", ci siamo lanciati per la terza volta nell'avventura della filosofia, ma questa volta eravamo senza paracadute, ovvero senza nessun tipo di finanziamento, senza richieste in sospeso, senza nulla; abbiamo scommesso sulla relazionalità che la riflessione era capace di creare, abbiamo incontrato ogni difficoltà immaginabile e inimmaginabile (un giorno scriveremo un libro su questo), ma abbiamo vinto la scommessa. Dal 2012 non facciamo che rilanciare

Leggi tutto...

Scuola 2011

Un'edizione in cui si è davvero visto il senso di quello che avevamo intenzione di costruire e abbiamo costruito, 5 giorni di autentica comunità filosofica, 5 giorni in cui anche quelli che all'inizio ci sembravano contrattempi insuperabili si sono trasformati in occasioni nuove di dialogo. Insieme alla locandina con il programma dell'evento e al resoconto trovate un articolo della nostra carissima amica Maria Merante.

Leggi tutto...

Scuola 2010

La prima edizione della Scuola si è tenuta dal 29 al 31 agosto 2010, qui di seguito potete vedere la locandina con il programma dell'evento e l'articolo pubblicato pochi giorni dopo su Il manifesto. Cliccando qui invece trovate un saggio che riporta il commento dettagliato dell'evento.

Leggi tutto...

"Potere e politica" oltre la fine della storia

Questo articolo dedicato ad alcune delle questioni che saranno al centro della quinta edizione della Scuola Estiva è apparso sul numero di maggio del periodico indipendente "Fatti al cubo" diretto da Daniela Ielasi.

L’uomo giunto alla fine della storia revoca in questione la propria natura, a cominciare dalla predisposizione ad agire da animale politico. Questo vuole l’ideologia postmoderna col suo adagio sulla compiuta realizzazione dell’opera dell’uomo in ogni ambito dell’esperienza. Tuttavia, la fine di un paradigma non coincide con il ritirarsi del mondo tutto intero. Altre forme di vita possono essere concepite. Una fine, dai caratteri decisi, è attribuita alla politica, nella misura in cui essa ha cessato di essere il luogo deputato alla sovranità. Nella spoliticizzazione dell’epoca contemporanea il potere è transitato dalla sfera della prassi pubblica a quella degli interessi privati, dalla polis all’oicos, dal politico all’economico.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se continui ad utilizzare questo sito accetti la cookies policy.