Menu

Mezzi e fini. Materiali per pensare 07: Amartya Sen

Amartya Sen (Santiniketan, Bengala, 1933) ha insegnato a Calcutta, Cambridge, Delhi, alla London School of Economics, Oxford e Harvard. Premio Nobel per l'economia nel 1998, è stato fino al 2004 rettore del Trinity College di Cambridge.

Lo sviluppo, sostiene Amartya Sen, dev'essere inteso come processo di espansione delle libertà reali di cui godono gli esseri umani, nella sfera privata come in quella sociale e politica. Di conseguenza la sfida dello sviluppo consiste nell'eliminare i vari tipi di "illibertà", tra cui la fame e la miseria, la tirannia, l'intolleranza e la repressione, l'analfabetismo, la mancanza di assistenza sanitaria e di tutela ambientale, la libertà di espressione, che limitano o negano all'individuo, uomo o donna, l'opportunità e la capacità di agire secondo ragione e di costruire la vita che preferisce.
Leggi tutto...

Mezzi e fini. Materiali per pensare 06: Hannah Arendt

 

Hannah Arendt (Hannover 1906 - New York 1975), è stata allieva di Husserl, Heidegger e Jaspers, quindi profuga in Francia, infine cittadina americana, insegnò filosofia politica a Chicago e New York.

 

“Gli assiomi della teoria politica arendtiana si riferiscono a tre condizioni fondamentali della nostra esistenza (nel duplice senso di «condizionamenti» e di «situazioni costitutive»). La prima condizione è l'ambiente naturale, organico e inorganico, in cui vive l'uomo, la Terra. L'attività che corrisponde a tale condizione è il "lavoro", con cui la specie umana assicura la propria sopravvivenza. Il tipo corrispondente è "animal laborans". La seconda condizione è l'insieme di artefatti di cui l'uomo si circonda per dare permanenza alla sua vita sulla terra. Questo insieme costituisce il Mondo umano, a cui corrispondono l'attività dell'operare e il tipo dell'"homo faber". La terza condizione […] è ciò che i greci chiamavano "polis", ovvero lo spazio pubblico in cui gli uomini possono entrare in relazione gli uni con gli altri, e conservare la memoria dei loro atti mediante il discorso. L'attività corrispondente è l'"agire", nel senso della "politeia", e il tipo umano attivo in questo spazio pubblico è quello che Aristotele definisce "zoon politikon”.

 

Le tre attività compongono là "vita activa", distinta dalla "vita contemplativa", che si svolge nell'interiorità dei soggetti e non comporta né attività esteriori né relazioni con gli altri uomini.”

 

(Alessandro Dal Lago)

 

Leggi tutto...

Mezzi e fini. Materiali per pensare 05: Aristotele

Una buona parte del Libro I della Politica riguarda la crematistica, ovvero "l'amministrazione delle ricchezze" (da chrèmata, «cose, sostanze»). Aristotele precisa che la crematistica che può essere considerata parte dell'economia domestica è quella "naturale", cioè quella che concerne le ricchezze come beni necessari per vivere bene. Il filosofo fa notare come, logicamente, questo tipo di ricchezza abbia un limite ben determinato, stabilito proprio dal suo fine (vivere bene), e perciò può essere considerata moralmente legittima. Vi è poi un secondo tipo di crematistica, che mira ad acquisire ricchezze illimitate e quindi non fa parte dell'economia, perchè a invertirsi è esattamente il rapporto tra i mezzi e fini, essendo il fine illimitato e non essendolo i mezzi. Il testo ha forse una lettura un po' difficoltosa, bisogna infatti tenere presente che l'approccio analitico di Aristotele è sempre molto scientifico, ma varrà la pena arrivare fino in fondo per riassaporare la profondità a la lucidità con cui la penna dello Stagirita attraversa il foglio e il tempo per arrivare fino a noi.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se continui ad utilizzare questo sito accetti la cookies policy.